Il numero dei votanti a mezzogiorno. La provincia di Trapani è al 7,11 per cento, un punto percentuale in meno rispetto al trend regionale, all’8,19, ben la di sotto del dato nazionale, al 16,85 per cento.

Questa mattina alle 7 in tutta Italia si sono aperte le urne per il rinnovo del Parlamento Europeo. Si potrà votare fino alle 23. Dopodiché si apriranno le operazioni di spoglio delle schede elettorali. In base al primi dati diffusi dal Viminale l’affluenza sul territorio nazionale a mezzogiorno è al 16 per cento mentre quella in Siiclia è attorno all’8 per cento. Ancora più bassi i dati della provincia di Trapani, dove alle dodici di oggi ha votato il 7,11 per cento degli aventi diritto, tre punti in meno rispetto alle passate elezioni Europee, quando alla stessa ora si era recato a votare il 10,86 per cento degli elettori. Affluenza ancora più bassa rispetto alla media provinciale e regionale (attorno all’8 per cento) nel territorio del Comune di Trapani, dove i votati, sempre a mezzogiorno, sono stati il 4,87 per cento. Tra i dati più bassi nel Trapanese, dove i comuni con la più alta affluenza alle urne al momento sono Castelvetrano (9,95), Alcamo (9,11), Mazara del Vallo (8,77), Erice (8,55) e Salemi (8,12). Affluenza attorno al 7 per cento a Valderice, Santa Ninfa, Paceco, Pantelleria e Favignana. Marsala è invece al 6,60. A poco più del 6 per cento anche Custonaci, Partanna e Campobello. Attorno al 5 per cento, sempre in base ai dati dell’affluenza pubblicati sul sito del Ministero dell’Intero a mezzogiorno, ci sono Buseto Palizzolo, Calatafimi, Gibellina, Poggioreale, San Vito Lo Capo e Vita. Tra i comuni con il numero di votanti più basso al momento ci sono, oltre Trapani a 4,87, Petrosino al 4,36 e Salaparuta al 3,16 per cento.