Pubblicità
<tonno auriga


L´intervista con una delle responsabili del mercato italiano di Elithairtransplant ha rivelato qualche curiosità su Sicilia e Campania e il loro rapporto con la cura dei capelli

L’evoluzione scientifica nel campo del trapianto di capelli procede velocissima ed è costantemente sotto l’occhio attento degli italiani, che sempre di più si rivolgono alle cliniche di Istanbul per il loro trapianto di capelli in Turchia. In particolare, è il metodo DHI ad attrarre gli interessati affetti da calvizie. Michela, responsabile di Medical Hair Company, rappresentante di Elithairtransplant, clinica all’avanguardia diretta dall’esperto Dr Balwi, che ci ha raccontato alcuni aneddoti sul rapporto tra gli italiani e l’autotrapianto.

Sono molti gli italiani che si rivolgono a Elithairtransplant?

Moltissimi e ogni anno diventano sempre di piú. La clinica Elithairtransplant si è rivolta inizialmente al mercato tedesco, dove il tema del trapianto di capelli in Turchia è considerato molto meno tabú rispetto all’Italia. In seguito, ci siamo rivolti alle altre nazioni europee. In Italia questo trattamento sta diventando sempre più apprezzato, soprattutto nelle grandi città come Roma e Milano. A seguire Catania e Napoli, dove i clienti sono espertissimi in fatto di tecnica FUE e a volte anche di DHI, metodo eccellente e recentissimo.

Noi conoscevamo solo la FUE, in cosa consiste il DHI? Meglio FUE o DHI?

 Il meccanismo é simile, ma i vantaggi del nuovo metodo DHI sono numerosi. In entrambe le tecniche i bulbi piliferi vengono estratti e poi reinnestati. La differenza é evidente nell´acronimo „Direct Hair Implant“: ciascun follicolo viene estratto e immediatamente innestato nella parte ricevente. Nel metodo FUE si procede invece all´estrazione di tutte le unitá follicolari, per poi reinnestarle tutte in un secondo momento.

E perché il metodo di trapianto DHI é tanto amato da siciliani e campani?

Come per tutti i nostri pazienti italiani, la cura dell´aspetto esteriore è fondamentale. Siciliani e Campani vogliono inoltre usufruire dei metodi più innovativi quando si tratta della loro capigliatura. In questo senso, il trapianto con DHI permette di offrire una precisione maggiore nel controllo della direzione di crescita dei capelli, così come a dare la garanzia di una guarigione più rapida rispetto alla tecnica FUE.

Ma ci sono anche degli svantaggi? Insomma, „per apparire bisogna anche un po´ soffrire“?

Non proprio. In entrambe le tecniche DHI e FUE non si soffre, in quanto il paziente è sotto anestesia locale. Utilizziamo inoltre un anestetico a spruzzo che evita l’impiego di aghi. Possiamo affermare che nella tecnica DHI, per apparire bisogna un po´ non soffrire più a lungo, in quanto l´operazione ha una durata maggiore. Il paziente rimarrà sul lettino qualche ora in più, ma ne varrà la pena considerando il risultato.

Ma quindi chi vince tra Catania e Napoli?

Per alcune richieste per DHI vince Napoli, ma Catania é superiore in numero di trapianti con la tecnica FUE. Tutte e due le cittá comunque mostrano un grande interesse per il trapianto di capelli in Turchia, per lo meno per quanto riguarda la nostra azienda Elithairtransplant.

Un ultimo consiglio per i nostri lettori?

Siate curiosi! Come i nostri amici di Catania e Napoli, informatevi e fateci tante domande! Che sia metodo DHI o FUE, molte persone sono ancora diffidenti, per poi ricredersi dopo aver ricevuto qualche informazione in piú o dopo aver visto i risultati di un amico. Quindi non esitate a contattarci, anche solo per curiositá!