Pubblicità
<tonno auriga

Serata all’insegna della musica e dei giovani talenti ieri al teatro San Barnaba di Valderice. Nel corso dell’iniziativa, dal titolo Ciaccio’s got talent, i ragazzi dell’Istituto Comprensivo “G.G.Ciaccio Montalto” di Trapani hanno dato prova delle loro inclinazioni artisitiche tra una folla di genitori e docenti che hanno assistito, a varie esibizioni. Alcuni ragazzi si sono scoperti ballerini, altri cantanti, altri ancora attori, musicisti.

Ad aprire lo spettacolo l’Ensamble Orchestrale dell’Istituto, diretta dai docenti di strumento, che ha accompagnato il coro Voci@colori nell’esecuzione di alcuni famosi brani della tradizione siciliana, rivisitati in chiave moderna. Tra i più significativi, La Siminzina, che, con le sue dolcissime note e parole di ninna nanna, ci ha fatto ritornare tutti bambini; Flowers, flowers, un tentativo, ben riuscito, dei nostri docenti di strumento, di fare avvicinare gli alunni dell’Indirizzo musicale ad uno dei più antichi e famosi brani della tradizione siciliana.

A seguire, piccoli e grandi talenti dei tre ordini di scuola hanno portato in scena, tra danza e canto, le più svariate tematiche, dalla spensieratezza delle vacanze ormai vicine al coraggio di dire no alla violenza e ai soprusi.

Fra i momenti più coinvolgenti, sicuramente, lo spettacolo Grease, che ha portato sul palco gli alunni della Scuola Primaria e Secondaria, e la performance dei genitori, Francesca Catania e Domenico Donato, con il brano di Mina e Celentano Acqua e sale.

La serata si è conclusa con un finale scoppiettante che, dopo l’ormai conosciutissimo Ciaccio Montalto rap, ha travolto alunni e docenti sul palco per l’augurio di serene vacanze e un grande in bocca al lupo per i ragazzi che si accingono a sostenere l’Esame di Stato.

“Un ringraziamento alla nostra Dirigente – hanno tenuto ad evidenziare dall’istituto scolastico – che ci ha permesso di rappresentare il nostro spettacolo in una magnifica location, e a tutti coloro, docenti e collaboratori scolastici, che hanno collaborato per la realizzazione dello spettacolo”