Pubblicità
<tonno auriga

Novità in seno all’ENTE LUGLIO MUSICALE. Giovanni De Santis ha lasciato il ruolo di consigliere delegato e rimane solo direttore artistico. Ma per lui potrebbero aprirsi scenari di maggiore responsabilità…


Giovanni De Santis non è più il consigliere delegato dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, ieri mattina nel corso della riunione del CdA, ha comunicato di concerto col sindaco Tranchida la decisione di mantenere la sola carica di direttore artistico dell’ENTE e soltanto fino alla fine di giugno in vista della pubblicazione del bando per la selezione della figura del Sovrintendente del Luglio Musicale, a cui lo stesso De Santis aspira in maniera tale da proseguire nell’opera di rilancio dell’organismo culturale del capoluogo.

Il suo posto, nella carica di consigliere delegato, è stato conferito all’attuale vice presidente del Luglio, cioè Ermenegildo Ceccaroni – che resterà a sua volta in carica proprio fino alla pubblicazione del bando per il Sovrintendente.
La notizia delle dimissioni di De Santis ha lasciato perplessi moltissimi trapanesi e non solo i suoi estimatori ma non dovrebbe essere un addio, quello di Giovanni. Semmai un periodo di stasi in attesa di quella che in molti si auspicano possa essere una vera promozione a ratifica dell’ottimo lavoro svolto in seno al Luglio Musicale Trapanese che proprio ieri sera è stato protagonista di uno spazio televisivo su RAI 5 nella trasmissione “Save the date”, la rubrica culturale che esplora il mondo della lirica, della prosa, della danza, con uno sguardo rivolto ai festival e agli eventi di particolare rilevanza. 
Il Luglio, in effetti, con la guida sapiente ed illuminata di Giovanni De Santis, ha fatto passi da gigante accreditandosi a livello regionale, nazionale ed internazionale come una vera e propria “fabbrica di spettacolo” in grado non solo di ripianare i debiti pregressi ma anche di produrre eventi – dalla tradizionale stagione lirica, ai concerti, alla danza – in grado di attrarre, in questi ultimi cinque anni, finanziamenti per circa 5 milioni di euro.
Un Luglio, tra l’altro, sempre più riferimento e braccio operativo della stessa Amministrazione Comunale: non a caso, infatti, buona parte degli avvenimenti culturali che avvengono nel territorio si fanno sotto l’egida e con le maestranze dell’Ente Luglio Musicale Trapanese.