Domani dovrebbe essere la giornata della firma definitiva sul contratto per il passaggio della maggioranza delle quote del Trapani Calcio tra De Simone ed Heller.

Aggiungiamo nuovi capitoli al libro “Trapani Calcio”. Torniamo a ieri. Nella mattinata, l’amministratore delegato granata De Simone, nonostante il contratto preliminare con Giorgio Heller ed il rifiuto del notaio di far sottoscrivere una nuova cessione con l’avvocato Palma, visto il contratto in essere con l’imprenditore romano, non aveva arrestato le trattative. Nel pomeriggio, De Simone è stato messo alle strette anche dal suo stesso presidente, Francesco Baglio, disposto a dimettersi nel momento in cui l’ad non si fosse messo da parte e avrebbe ceduto all’unica trattativa possibile, come dichiarato dallo stesso Baglio, quella con Heller. Ieri pomeriggio, come preannunciato, i tifosi alle 19.30, e replicheranno ogni sera se ce ne sarà bisogno, fino al 24 giugno, si sono ritrovati davanti alla sede del Trapani per manifestare pacificamente, per cercare di avere delle risposte. Alle 20,30 il Trapani Calcio, nella persona dell’ad De Simone, ha diramato un comunicato stampa in cui dichiarava che entro oggi a mezzogiorno, Giorgio Heller avrebbe dovuto adempiere ai pagamenti di tutte le pendenze, ritenute imprescindibili. Nel frattempo, si legge nel comunicato, per assicurare serietà e continuità di gestione, la proprietà si riservava di valutare altre proposte alternative. Puntuale è arrivata la risposta di Heller, in cui si è detto chiaramente disposto ad effettuare i pagamenti, ma che per effettuare gli stessi è necessaria la documentazione, cosa che De Simone non ha provveduto a rilasciare. Stamattina le parti hanno lavorato per sbrogliare la situazione, con Maurizio De Simone messo sempre più alle strette anche da parte del suo enturage. La volontà di Heller è quella di provvedere al pagamento degli adempimenti, subito dopo la firma del contratto definitivo, che dovrebbe avvenire domani, anche se questi pagamenti, potrebbero essere effettuati anche lo stesso giorno 24. Per quanto riguarda la documentazione e la fideiussione da presentare, sarebbero già pronte e valide. Heller quindi vuole affidarsi alla prudenza e avere la firma definitiva del passaggio societario in mano per muovere il denaro sufficiente a pagare i debiti societari. Anche la Liberty Lines, silente fino a questo momento, se non in occasione delle ingiuriose scritte apparse contro la dottoressa Iracani, stamattina ha tramite comunicazione urgente, scritto alla Fm Service, parlando di danno di immagine a causa dei mancati pagamenti delle pendenze e della fideiussione. La liberty Lines chiude la lettera dicendo che proteggeranno la loro immagine e i loro clienti anche in sede cautelare se gli adempimenti non verranno effettuati entro sette giorni.