Polemiche e perplessità, all’interno del movimento politico del Presidente della regione, nello Musumeci. In provincia di Trapani nasce ALLEANZA TRAPANESE e i toni sono polemici ma costruttivi.

Venerdí 28 giugno si é svolta a Castellammare del Golfo una riunione informale cui hanno partecipato numerosi esponenti dell’ala critica di Diventerá Bellissima, il movimento che fa capo al Presidente della Regione, on. Nello Musumeci. Fra i partecipanti, l’on. Michele Rallo, l’ing. Giuseppe Bica, la “vecchia guardia” mazarese Aurelio Norrito, e vari dirigenti e Consiglieri comunali di Trapani, Erice, Custonaci, Castellammare, Mazara del Vallo, Salemi. Numerose anche le adesioni giunte da altri Comuni della provincia. Vari gli argomenti trattati nel corso della riunione. Al primo posto, la scelta di Musumeci di perseguire il progetto di un nuovo partito meridionalista, da federarsi ipoteticamente con la Lega. Al riguardo, gli astanti hanno manifestato le loro perplessitá. Altro elemento di discussione é stato quello dei provvedimenti del governo regionale in relazione al territorio trapanese. Anche qui non sono mancate le critiche, che hanno investito soprattutto il metodo con cui certe decisioni sono state calate dall’alto; ivi comprese le scelte di manager e dirigenti per gli enti regionali di questa provincia. Le nomine hanno costantemente ignorato le professionalitá espresse dal nostro territorio, imponendo invece dei nominativi provenienti da altre province. Ultimo episodio (che segue le nomine nel settore della sanitá) é quello relativo al brusco esautoramento del validissimo direttore del Museo Pepoli, arch. Luigi Biondo, e della sua sostituzione con un incaricato proveniente da altro circondario. In sostanza, si ha l’impressione che il vertice di Diventerá Bellissima e la sua delegazione al governo regionale si muovano senza alcun collegamento con il nostro territorio, dove pure il presidente Musumeci poteva contare su un robusto nucleo di qualificati esponenti politici che da vent’anni a questa parte sono stati al suo fianco nella lunga battaglia che lo ha alfine portato alla presidenza della Regione Siciliana. In dipendenza di ció, i convenuti hanno deciso di dar vita ad un movimento d’opinione (non un partito) che abbia lo scopo di promuovere gli interessi della provincia di Trapani nei confronti del governo regionale. Il nuovo movimento – per cui é stato scelto il nome di Alleanza Trapanese – é al momento limitato all’ambiente di Diventerá Bellissima, ma non esclude di aprire in un secondo tempo le sue fila anche ad esponenti del mondo esterno. Delle numerose adesioni, che continuano a giungere da tutta la provincia di Trapani, si dará conto con un successivo comunicato.