Pubblicità
<tonno auriga

Previsto nel pomeriggio il verdetto della Covisoc per le iscrizioni a serie B e C. Intanto prende quota la candidatura di Mangiarano come direttore generale.

Arriverà nel pomeriggio il verdetto della Covisoc che sancirà le squadre ammesse alla serie B e C. Anche se nell’entourage del Trapani si professa tranquillità, c’è ancora da attendere qualche ora per bollare definitivamente e ufficialmente la partecipazione del Trapani alla serie B 2019/2020. Intanto, sembra ormai che Giuseppe Mangiarano, già segretario del Milan, con ogni probabilità sarà il direttore generale del Trapani. Questo l’orientamento che pare prevalere all’interno del club granata. La sua presentazione dovrebbe avvenire da qui a poco, e di fatto questa nomina sarà determinante per dare la stura a tutti gli altri movimenti che conferiranno l’assetto definitivo allo staff dirigenziale. Bisogna ancora chiarire quale sarà il ruolo dell’ottimo 33enne Riccardo Fabbro, che ha avuto una funzione determinante nella velocissima soluzione per l’iscrizione della squadra. Poi, arriveranno le decisioni che riguardano il direttore sportivo e il segretario, formando così la triade determinante per poi organizzare la parte sportiva. Ecco perché circolano tanti nomi sugli allenatori possibili. Tanti contatti veri, con i nomi già citati nei giorni scorsi, ma nessun approfondimento. Se i vari Pochesci, Marino, Cagni, Drago sono tutti contatti veri, e, al di là delle smentite degli interessati, si capirà se e con chi ci sarà una prosecuzione della chiacchierata, ci sentiamo di escludere che fra i papabili per la panchina granata ci sia Iachini. Un tecnico che viaggia a ingaggi di alto livello e solitamente chiamato al capezzale della prima o seconda formazione di serie A che decide di cambiare guida tecnica. In ogni modo, ormai siamo alle strette e il nuovo Trapani inizierà a profilarsi nelle prossime ore. 
Chiudiamo con una notizia di Eccellenza e il gran colpo del Dattilo. La squadra del neo tecnico Chianetta ha ingaggiato l’attaccante Davide Testa, che  negli ultimi due anni ha realizzato 34 reti fra Marsala e Licata. E va considerato anche che con la squadra agrigentina ha conseguito la promozione in D. Peraltro, lo stesso Testa, tre stagioni fa, con i suoi 19 gol e il titolo di capocannoniere, aveva trascinato anche il Paceco in serie D. Se il buongiorno si vede dal mattino, bisogna presumere che vedremo un Dattilo molto ambizioso.