Erice, siamo quasi al tutti contro tutti. L’opposizione si scolla, con la diatriba politica fra i consiglieri manuguerra e Vassallo che prendono le distanze dal collega Alessandro Barracco dei cinquestelle, e all’esterno arriva la presa di posizione con tanto di scuse ai cittadini per aver proposto la sindaca Daniela Toscano, da parte di Valentina Villabuona, esponente del PD e tra le promotrici dell’associazione Putno Dritto.

Probabilmente siamo alle prove di quella che sarà la campagna elettorale che guarda al dopo Daniela Toscano. Non si può non leggere così la diatriba interna all’opposizione consiliare a Erice, nata fra tre esponenti della minoranza e cioè Alessandro Manuguerra col supporto di Giuseppe Vassallo (quest’ultimo in movimetno per accreditarsi quale candidato sindaco per Erice) nei confronti dell’esponente dei cinqeustelle Alessandro Barracco.

Questioni personali e politiche che, nella seduta consilaire per l’approvazione del bilancio di previsione, sono diventato improcrastinabili. I tre, ormai, ragionano in maniera differente e rappresentano due modi diversi e distitni di fare opposizione alla Toscano.

Quest’ultima, va da sé, deve fare i conti con una sorta di fronda interna rappresentata dall’avvocato Valentina Villabuona che quest’anno ha deciso di trasferirsi, come circolo, dal PD di Erice al PD di Trapani e proprio ieri ha affidato alla stampa e ai social network una lunga riflessione con la quale prende definitivamente le distanze dalla Toscano ritenendola non adatta ad amministrare Erice e chiede addirittura scusa ai cittadini per averla proposta come candidata.

Siamo al tutti contro tutti, in quel di Erice.