Pubblicità
<tonno auriga

Oggi è il giorno della presentazione del nuovo direttore generale

La tifoseria granata si attende sempre che da un momento all’altro sbuchi il nome del nuovo allenatore, ma intanto oggi è il giorno della presentazione del nuovo direttore generale. Come anticipato da diversi giorni, sarà Giuseppe Mangiarano, ormai ex segretario del Milan, che provvederà a ricoprire questo ruolo chiave nel nuovo assetto del club.  Mangiarano aveva dato una mano sostanziosa nel mettere a punto tutti i documenti per la complicatissima iscrizione alla serie B ed è quasi naturale che nella sua carica verrà affiancato dal 33enne Riccardo Fabbro,  molto apprezzato dalla piazza per il suo instancabile ed efficace lavoro svolto proprio nel tempestoso frangente dell’iscrizione. Carica ufficiale di Fabbro e strategia del nuovo Trapani li scopriremo nella conferenza stampa, che si svolgerà questo pomeriggio alle 17 30. Scontata ormai anche la presenza di Raffaele Rubino, che verrà ufficializzata nelle prossime ore. E così,  mentre radio mercato fa trapelare un interesse concreto dello Spezia nei confronti di Taugordeau, l’attenzione è tutta incentrata, come dicevamo, sul nome del nuovo allenatore. L’infinito valzer di nomi non  smette mai, e nelle ultime ore si è aggiunto quello di Devis Mangia. E  mentre il club ancora sta parlando con diversi potenziali tecnici granata, l’unica cosa che ci sentiamo di dire è che il Trapani pare abbia almeno scelto il target di riferimento.  Non un allenatore super esperto, che magari viaggi con un ingaggio troppo elevato, né la scommessa di un tecnico troppo giovane e senza un passato nel torneo cadetto. Vedremo se questo orientamento, emerso nel weekend, verrà confermato dalle parole che ascolteremo nel pomeriggio. 
Chiudiamo la pagina sportiva di oggi con una sottolineatura ancora all’ottimo mercato estivo del Dattilo, che ribadisce come la formazione del presidente Mazzara si proporrà fra le protagoniste assolute del prossimo campionato di Eccellenza. Dopo l’ingaggio del tecnico Chianetta e del bomber Testa, arrivano il centrocampista Sekkoum e il difensore Baiata, entrambi in qualche modo ex granata. Due tasselli che confermano come chiunque vorrà ambire alla promozione in serie D, dovrà fare i conti proprio con il Dattilo di Chianetta.