Pubblicità
<tonno auriga

Momenti di paura questa notte nella zona di Calampiso per un grosso incendio divampato attorno alle 2 nella zona della Torre dell’Impsu, nei pressi della Riserva dello Zingaro. Il propagarsi delle fiamme ha portato all’evacuazione di 403 persone dal villaggio di Calampiso, disposta dalla Prefettura dove è stato subito attivato il Centro di Coordinamento dei soccorsi con le Forze dell’Ordine, la Protezione Civile Regionale, i Vigili del fuoco e la forestale. Le operazioni di spegnimento si sono subito rivelate complesse per i forti venti provenienti da sud, che hanno portato il fumo verso la struttura ricettiva. E visto che l’unica strada di accesso era interessata dall’incendio, è scattata l’evacuazione del villaggio turistico via mare, proprio come avvenuto nel 2017. Questa volta però nel pieno della notte. Sul posto sono intervenute quattro motovedette della Capitaneria di porto e due della Guardia di Finanza. Per il trasporto delle persone sono stati impiegati anche dei pescherecci locali e diverse imbarcazioni private, tra cui anche dei gommoni utilizzati per trasbordare le persone dalla spiaggia alle motovedette ed altri altri mezzi che hanno fatto quindi da spola tra Calampiso ed il porto di San Vito lo Capo. Da qui sono stati portati al teatro comunale con degli autobus, dove è stato allestito un punto di ristoro. Presenti sul posto a coordinare le operazioni il prefetto di Trapani, Ricciardi, il sindaco di San Vito lo Capo Peraino, assieme al comandante Morana della Capitaneria di Porto di Trapani, il comandante provinciale dei Carabinieri di Trapani, colonnello Vitagliano. In banchina per i soccorso tutti e 15 militari dell’arma della stazione di San Vito lo Capo con in testa il comandante Vezzoli ed i vigili urbani. Una macchina dei soccorsi che ha funzionato efficientemente, come evidenziato dal sindaco Peraino, che ha evidenziato come tutte le operazioni di soccorso si siano verificate senza panico, nonostante il buio ed il mare mosso per il forte vento di Scirocco, ringraziando il prefetto Ricciardi, i vertici delle forze dell’ordine intervenuti, i vigili del fuoco e tutto il personale impegnato nelle delicate operazioni che hanno permesso di portare in salvo gli ospiti del villaggio sono stati portati in salvo. Per spegnere l’incendio, piuttosto vasto e ben visibile dalla costa anche in lontananza, sono intervenuti i canadair. La situazione si è andata normalizzando alle primi luce dell’alba. Tant’è che non tutti gli ospiti del villaggio, complessivamente circa 800, hanno lasciato la struttura durante l’incendio. Non appena il rogo è apparso sotto controllo le operazioni di evacuazione sono state infatti interrotte. Tant’è che attorno alle 7,30, una volta rientrato del tutto il pericolo, sono iniziate le operazioni per riportare le persone nella struttura turistica con gli autobus. Il rogo è stato domato in mattinata. E attorno alle nove, dopo una notte di apprensione, tutti gli ospiti erano nuovamente a Calampiso.

Mario Torrente