Pubblicità
<tonno auriga

Su proposta dell’assessore per l’Agricoltura e per la Pesca mediterranea, Edy Bandiera, il governo Musumeci, a tutela del settore della pesca siciliano e della storica tonnara fissa di Favignana, ricorrerà, attraverso l’Ufficio Legislativo e Legale della Regione Siciliana, contro i decreti di ripartizione delle quote di tonno rosso in Sicilia, recentemente emessi dal Ministero delle Politiche Agricole, che di fatto hanno portato alla chiusura della tonnara dell’isola delle Egadi. A renderlo noto è stato lo stesso assessore regionale, a margine della giunta di governo che si è svolta nei giorni scorsi. “L’assegnazione delle quote di pesca, pari ad appena 14 tonnellate e al massimo bastevoli per una barchetta con due pescatori – dice l’assessore -, non sono certamente compatibili con un progetto serio, come quello della riapertura della tonnara di Favignana, per il quale sono stati compiuti seri investimenti di centinaia di migliaia di euro. Da mesi -aggiunge – chiediamo al governo un totale cambio di rotta sul tema del riparto nazionale delle quote per le tonnare circolanti e fisse e di non ignorare i principi fondamentali di equità, sostenibilità finanziaria ed equilibrio tra tutti gli operatori, previsti dal Regolamento comunitario vigente. In assenza e nelle more di atti concreti – conclude l’assessore – da parte del Governo nazionale, che oggi mancano del tutto, con l’atto approvato, chiediamo il pronunciamento del tribunale amministrativo competente”.