Pubblicità
<tonno auriga

Continuano a Nubia i controlli a contrasto dell’abbandono dei rifiuti per strada. Elevate multe per un totale di tre mila euro.

Nella frazione di Paceco, purtroppo, non di rado capita di vedere spazzatura abbandonata per le strade da cittadini incivili. Un malcostume che imbratta uno dei tratti più suggestivi del litorale, quello tra le saline e la antica Torre di Nubia, da dove si possono ammirare tra i più tramonti della zona. Un angolo di costa trapanese che potrebbe essere valorizzata e meglio utilizzata anche in chiave turistica, ma dove, purtroppo, il degrado continua a farla da padrone. Addirittura dietro le mura della torre, tra le erbacce, è tutto un susseguirsi di cartacce, bottiglie di plastica e rifiuti di ogni genere e tipo. Un autentico pugno allo stomaco in zona molto bella che si affaccia sulle isole Egadi, ad un tiro di schioppo da Trapani. Ma dove la gente continua a lasciare spazzatura dove capita prima. In sfregio a qualunque regola ed al rispetto dell’ambiente. Deturpando il territorio ed arrecando danno all’intera comunità. Ma anche a Paceco è scattata la guerra agli incivili, a suon di controlli, anche con le foto trappole. E non solo. Perché i rifiuti lasciano traccia e spesso e volentieri si possono trovare delle prove che permettono di individuare i responsabili dei comportamenti incivili. A Nubia, aprendo dei sacchetti dell’immondizia, qualcuno anche lasciato nella zona del perimetro della Riserva, i vigili urbani sono riusciti a risalire ai responsabili dell’abbandono dei rifiuti, che saranno sanzionati per un importo di 600 euro a testa. Quindi per un totale di tre mila euro, così come fatto sapere dall’assessore all’ecologia e ambiente Federica Gallo, che ha annunciato come i controlli continueranno anche nei prossimi giorni con l’obiettivo “di cercare di arginare e mettere fine a questo scempio che deturpa il territorio”.

Mario Torrente