Emessa la sentenza a carico della maestre di Valderice accusate di maltrattamenti

Ignazia Agosta, Maria Amore e Grazia Pacilè sono state condannate ad un anno ciascuna, più le pene accessorie, oltre  al risarcimento danni, in maniera diversificata, nei confronti  dei genitori degli alunni che si erano costituiti parte civile, mentre la quarte docente,  Maria Giuseppa Grasso è stata assolta. Lo ha stabilito oggi pomeriggio, il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Trapani, Piero Grillo.

Le 4 maestre erano chiamate a rispondere,  a vario titolo, di maltrattamenti aggravati nei confronti di alcuni studenti di due classi dell’Istituto “Giovanni Falcone” di Valderice. Le imputate erano difese dagli avvocati, Gianluca Graziano e Umberto Coppola del Foro di Trapani, Giuseppa Lo Vasco del Foro di Palermo e Tiziana Versace e Filippo Narciso del Foro di Milano. Il dispositivo della sentenza si conoscerà tra 90  giorni.  Al processo si erano costituiti parte civile anche il Comune di Valderice, con il sindaco Francesco Stabile, l’Associazioni “Defensio” e l’“Osservatorio per la legalità” .  L’inchiesta sulle maestre violente era scaturita da una denuncia dell’ex dirigente scolastica a seguito di una segnalazione di una insegnante di sostegno. Le indagini sono state condotte dalla Sezione “Reati contro la persona” della Questura di Trapani, con  l’utilizzo di microspie.