E’ tornato a riunirsi ieri sera il consiglio comunale di Trapani. Seduta dedicata alle interpellanze dei consiglieri in aula.

Seduta, quella di ieri sera, dedicata esclusivamente all’attività ispettiva dei consiglieri comunali ma c’è stato anche il tempo per alcune schermaglie in aula, in particolare quando la discussione s’è concentrata sulla richiesta di prelievo del punto all’ordine del giorno riguardante l’ordinanza antifumo nelle spiagge trapanesi. Il prelievo è stato chiesto dal consigliere Giuseppe Lipari, orfano del gruppo giovani a seguito delle dimissioni dallo stesso che gli altri due componenti del gruppo, Marzia Patti e Giuseppe Virzì, hanno dato nella seduta consiliare di lunedì proprio a seguito delle, riteniamo oramai note, divergenze con l’ex capogruppo Lipari. Alla richiesta di prelievo formulata verbalmente da Lipari è seguita la presa di posizione del consigliere-assessore Dario Safina che, in sostanza, ha redarguito il collega consigliere sostenendo che la discussione in aula è stata superata per la delibera approvata dalla giunta. Lipari, in punta di diritto, ha rimarcato il ruolo del consiglio comunale sostenendo che la delibera è illegittima. Il prelievo del punto, comunque, ha avuto esito negativo per i voti contrari degli altri consiglieri. Quindi via alle interpellanze considerato che la discussione sulla vicepresidenza, dopo le dimissioni di Andrea Vassallo, è prevista nella prossima tornata: si ipotizzano, comunque, i nominativi di Rocco Greco o Annalisa Bianco entrambi eletti nella lista “Trapani con coerenza”. Fra le interrogazioni annoveriamo quella del consigliere Peppe Peralta, della lista “Amo Trapani” che focalizza l’attenzione sulle strisce pedonali che sarebbero da rifare su molte strade del territorio… e poi quella del consigliere Domenico Ferrante, della lista Demos, che ha sottolineato i lavori della commissione Frazioni ponendo l’accento su alcuni disservizi. Lo abbiamo intervistato

GUARDA L’INTERVISTA