Pubblicità
<tonno auriga

Necessario intervento di canadair e di un elicottero della Forestale

Oltre al canadair,  è  intervenuto oggi pomeriggio anche un elicottero della Forestale per spegnere le fiamme nella parti più impervie di monte Monaco, il promontorio che sovrasta San Vito Lo Capo. Il rogo, scoppiato verso le 12, è stato domato attorno alle 18:30. Era divampato nella zona di cozzo Monaco, alla base della montagna, risalendo velocemente verso la cima, alimentato dal forte vento di scirocco. Sul posto, personale del servizio antincendio della Forestale e vigili del fuoco che hanno anche provveduto a mettere in sicurezza le case della zona.

Personale della Forestale e vigili del fuoco sono dovuti intervenire inoltre in contrada Sauci dove intorno alle 14 è divampato un altro incendio che adesso è sotto controllo; a breve si procederà alla bonifica dell’area.  La zona è stata presidiata per tutto il pomeriggio da carabinieri e polizia municipale. Sul posto anche l’amministrazione comunale di San Vito Lo Capo.

Al momento non è possibile quantificare i danni. I roghi hanno comunque devastato diversi ettari di macchia mediterranea e terreni incolti.

L’assessore Nino Ciulla rivolge un appello “alla cittadinanza e ai turisti ad essere sentinelle nei confronti di coloro che approfittano di queste particolari giornate, dove soffia il vento di scirocco e le temperature sono elevate, per mettere in atto questi piani criminali”.