Pubblicità
<tonno auriga

Verrà inaugurata domenica al teatro Gebel Hamed di Erice la prima mostra di Vita Catalano

La personale di Vita Catalano, intitolata “Abbracci” in programma dall’11 al 18 agosto nei locali del teatro Gebel Hamed di Erice, si propone di trasmettere l’intensità dell’amore in ogni suo aspetto. L’abbraccio non ha limiti, non ha spazio nè confini. Così succede ad ognuna delle opere dell’artista partendo da “Stringimi Ancora”, “Verso l’Infinito”, “Ebano”, “Dopo la Follia”, “Allattando Nora”, “Donne”, “Abbracciando il figlio” e “Verso di Te”. Cambiano i soggetti e le forme ma l’affetto verso l’altro resta ineluttabilmente identico al di là di ogni orizzonte. “Dall’esplosione negativa fomentata con acredine ed odio nel mondo dei social rispetto all’immigrazione e, soprattutto verso le persone di colore – dice Vita Catalano – mi sono posta una domanda: “Come posso io sensibilizzare la gente e far capire che siamo tutti uguali? Così nasce Abbracci, esternazione di un sentimento puro che non ha limiti, confini, muri e colori. Una foto di mio figlio, Francesco Bellina – prosegue la pittrice – mi ha reso tutto più semplice. Uno scatto realizzato in Benin, che ritrae dei fanciulli in spiaggia. Così è nata una delle mie opere, “Ebano”. Lei che guarda il mare ed immagina una vita oltre la linea dell’orizzonte”. La cerimonia di inaugurazione è in programma domenica pomeriggio alle 18.