Pubblicità
<tonno auriga

Lo strumento finanziario sarà inviato alle Commissioni consiliari la settimana prossima. Amministrazione e consiglieri provano a godersi, intanto, qualche giorno di pausa.


Pausa doverosa ma anche obbligatoria, in un certo senso, per il Consiglio comunale di Trapani. Si sfrutta il periodo di ferragosto (che nel capoluogo corrisponde anche alla sentita festa patronale della Madonna che culmina con le manifestazioni del giorno 16) per godere di qualche giorno di relax.

Per la settimana appena iniziata, infatti, non sono previste nemmeno le consuete riunioni delle commissioni consiliari. Pausa totale, pertanto, anche perchè i consiglieri e soprattutto le commissioni consiliari sono in attesa di ricevere formalmente il carteggio sul bilancio di previsione che la Giunta guidata dal Sindaco Tranchida ha approvato, venerdì scorso, al suo interno.

E’ stata una vera e propria battaglia, per Tranchida e i suoi.

Gli uffici, tutti, hanno dovuto “inventare” le umane e le divine cose per superare una delle più impegnative fasi di bilancio: si parla di quasi 2 milioni e mezzo di euro di “buco” che sono stati recuperati o bypassati facendo leva su alcuni marchingegni garantendo i servizi essenziali ma, si ritiene, effettuando comunque qua e là alcuni tagli obbligatori.

Si tratta di un bilancio tecnico e come si suol dire “blindato” sul quale le commissioni consiliari, da lunedì della settimana prossima, avranno poco da sperimentare e dovranno anche sbrigare la faccenda quanto più velocemente possibile.

Gli uffici comunali stanno, inoltre, lavorando per il piano triennale delle Opere Pubbliche. Anche in questo caso non senza difficoltà.

Tornando ai lavori consiliari, pertanto, si presume che la ripresa degli stessa avverrà non prima di lunedì 26 agosto.

Non si tratta, comunque, di ferie totali poichè specialmente la “commissione frazioni” sta lavorando assieme all’assessore Ninni Romano per assicurare un maggiore decoro proprio agli abitanti del territorio periferico.

Nicola Baldarotta