Il Cai di Erice ha promosso una raccolta fondi per ripulire il bosco antico ed il sentiero delle mura elimo-puniche del borgo medievale.

Il bosco antico è l’ultimo polmone verde rimasto sulla cima di Monte Erice. Si tratta della zona alberata che costeggia le millenario mura elimo-puniche, partendo dalla Matrice per arrivare fino al quartiere spagnolo ed alla curva della casazza. Un piccolo angolo di paradiso tra storia e natura, che da diverso tempo versa in condizioni di degrado e abbandono, tra rifiuti e gli alberi che continuano a cadere completamente aggrediti dall’edera e appesantiti dal peso dei rami. Si tratta di piante secolari, che necessitano di manutenzione e pulizia. Ed i rami e gli alberi finiti per terra, ormai secchi, in diversi punti ostruiscono il passaggio. Così come l’erba alta e la fitta vegetazione che in alcuni tratti copre del tutto i sentieri.

Tra la vegetazione ed a pochi metri dalle mura ciclopiche si trova di tutto, da fazzolettini sporchi a pochi centri dei massi megalitici a rifiuti di ogni genere e tipo, dall’immancabile bottiglia di birra, ai sacchetti dell’immondizia, di chiara provenienza domestica, lasciati incivilmente tra il verde. Ed ancora lampade, scarti delle portatura, copertoni e tanta altra immondizia lanciata dalla vicina via Rabadà verso il bosco antico. Che somiglia sempre più ad una vera a propria pattumiera a cielo aperto. Un vero e proprio pugno allo stomaco per quello che potrebbe essere un autentico angolo di paradiso tra natura e storia ultra millennaria, sicuramente dall’altissimo potenziale in chiave turistica ed escursionistica. Che piuttosto che essere valorizzato continua ad essere lasciato in condizioni di degrado e abbandono. Per il suo recupero l’amministrazione comunale di Erice ha presentato dei progetti. Ma nell’attesa che partano i lavori il Cai ha deciso di promuovere una raccolta fondi per ripulire il bosco ed il sentiero delle mura. Sarà possibile dare il proprio contributo nel corso dell’iniziativa che si terrà domenica 1 settembre nei pressi del campo San Nicola, proprio sotto il centro abitato del borgo medievale, dove dalle 18 alle 20 si terrà un concerto trio d’archi dal titolo “I suoni del bosco antico” con musiche di Corelli, Mozart e Bach che saranno eseguite da Rossella Aprile al violino, Giorgio Chinnici (viola) e Laura Benvenga (violoncello). È previsto anche un recital di poesie al tramonto. L’iniziativa è organizzata dalla sottosezione di Erice del Cai, che nelle prossime settimane conta di promuovere una giornata ecologica per la tutela del bosco della vetta.