Pubblicità
<tonno auriga

Il Cai di Erice ha promosso ieri una iniziativa per salvaguardare il patrimonio ambientale del Monte, annunciando la piantumazione di ben mille alberi.

E’ stato un momento musicale davvero molto suggestivo, con le melodie che hanno riempito quasi magicamente le navate della chiesa di Sant’Antonio, una delle più belle e antiche di Erice. Un autentico scrigno di spiritualità e storia che si trova tra porta Spada ed il Quartiere Spagnolo, immerso nei silenzi del bosco e nella affascinante location delle mura ciclopiche. Ed il concerto di ieri è stato promosso dal Cai proprio con l’obiettivo di raccogliere i fondi per ripulire l’antico bosco ed il sentiero che costeggia la millenaria cinta muraria, percorsi bellissimi ma che purtroppo versano in condizioni di degrado e abbandono. Nel corso dell’iniziativa il referente del Cai di Erice Vincenzo Fazio ha anche annunciato la piantumazione di ben mille alberi lungo il Monte.

Presenti al concerto raccolta fondi anche il sindaco Daniela Toscano e l’assessore Gianni Mauro, che hanno ricordato i progetti messi in campo dall’amministrazione, in attesa di finanziamento, per salvaguardare il bosco e recuperare il sentiero delle mura elimo-puniche.

Dopo il concerto “I suoni del bosco antico” con musiche di Corelli, Mozart e Bach, tenuto nella chiesa di Sant’Antonio, la serata è proseguita nella sede del Cai di via Apollonis, dove la sottosezione, nata da pochi anni, ha festeggiato il raggiungimento dei 100 soci. Un traguardo che avviene sotto i migliori auspici, visto che la socia numero 100, la piccola Ginevra Torrente, ha appena otto anni. E della necessità di coinvolgere i giovani ha parlato il presidente del Cai Sicilia Francesco Lo Cascio, ad Erice per partecipare all’evento organizzato dalla sottosezione che ha messo radici nel territorio dell’Agroericino crescendo giorno dopo giorno, organizzando in questi anni oltre 90 escursioni e diverse iniziative ed eventi formativi. Una realtà, quella del Cai di Erice, che sta dunque manifestando una forte vitalità, con il comune denominatore di promuovere il rispetto della natura e la valorizzazione del delle bellezze del territorio.

GUARDA IL SERVIZIO CON LE INTERVISTE