Pubblicità
<tonno auriga

A Trapani, come già in altri comuni, stamattina è arrivato il commissario regionale inviato dalla Regione per sincerarsi sull’adozione degli strumenti finanziari e di programmazione. Il dottor Garofalo, però, fortunatamente ha trovato un Comune all’opera e in regola con la tempistica.

Stamattina alle 10 al Comune di Trapani è arrivato il dottor Antonino Garofalo, il commissario ad acta inviato dalla Regione siciliana per rendersi conto dello stato di avanzamento relativo all’adozione degli strumenti finanziari dell’Ente Comune. Il suo, però, pare possa essere un breve soggiorno “forzato” a Trapani, considerato che ieri sera in consiglio comunale sono stati affrontati gli atti propedeutici al Bilancio: Piano Triennale delle opere pubbliche: piano delle alienazioni dei beni immobili non strumentali; verifica della qualita e della quantita delle aree residenziali, produttive, terziarie. Gli atti sono stati tutti e tre approvati.
Ieri mattina, inoltre, i revisori dei conti si erano messi alacramente al lavoro per la stesura del parere in piena collaborazione degli uffici. Parere, va detto, espresso favorevolmemnte senza alcuna riserva.
Quindi il commissario è arrivato ma ha trovato un Comune al lavoro ed in maniera solerte. Stamattina, ad esempio, ci sono state le riunioni congiunte delle commissioni consiliari per procedere alle audizioni del ragioniere generale.
In più domattina alle 12 è stata convocata la Conferenza dei capigruppo per fissare la sessione consiliare dedicata al bilancio: il presidente del consiglio comunale, Peppe Guaiana, ha fissato la tornata per il prossimo giovedì 19 alle ore 10. Il commissario regionale è già stato informato di ciò.

In merito all’arrivo dei Commissari ad acta inviati dalla Regine siciliana nei Comuni per affrontare la materia relativa agli strumenti finanziari degli enti locali in ritardo, il sindaco di San Vito fa sapere che il bilancio di previsione è stato approvato il 29 Aprile 2019 ed il consuntivo lo sarà martedì 10 settembre.
Lunedì a San Vito è arrivato il commissario, dott. Giovanni Cocco, per il consuntivo ma si tratta di una formalità.

Ed anche il sindaco di Custonaci, peppe Morfino, dice la sua in merito all’arrivo del commissario ad acta nel suo Comune. “La nomina del commissario ad acta da parte della Regione è inopportuna e inappropriata visto che L’amministrazione comunale ha approvato il bilancio di previsione 2019.
In particolare, il bilancio di previsione 2019 è stato approvato con una delibera di giunta dello scorso 11 giugno e con una delibera del consiglio del 15 luglio scorso mentre il bilancio consuntivo 2018 è stato approvato lo scorso 3 settembre.
“Il Comune di Custonaci – dice il sindaco Morfino – non risulta inadempiente rispetto alla deliberazione del bilancio di previsione. Probabilmente l’assessorato regionale delle Autonomie locali, che a oggi non ha fatto pervenire all’amministrazione comunale la circolare emessa circa la nomina del Commissario ad acta, non è a conoscenza delle delibere per il bilancio adottate dalla nostra amministrazione ”.