Pubblicità
<tonno auriga

ATM Trapani, la società che gestisce il trasporto pubblico nel trapanese, non ci sta a passare per un’azienda che produce disservizi ai turisti. L’amministratore unico dell’ATM e l’amministratore unico di Sikania Shipping, rispondo alle critiche per la mancanza del servizio di trasporto dal molo Ronciglio al porto, per i turisti in arrivo dalle navi della Francia.

E’ l’ennesima lamentela di alcuni cittadini per la mancanza del servizio ATM presso il molo Ronciglio per l’arrivo delle navi dalla Francia.Ma stavolta, evidentemente, si è trattata della goccia che ha fatto traboccare il vaso, al punto che gli amministratori delle due aziende incriminate e cioè ATM SPA e la Sikania Shipping, hanno deciso di prendere carta e penna e ripondere ufficialmente precisando quanto segue.
ATM, dietro richiesta dell’Amministrazione Comunale e in particolare dell’Assessore D’Alì, senza costi aggiuntivi per la stessa Amministrazione Comunale, ha organizzato un servizio di linea, gratuito, per l’utenza, con il supporto logistico della Sikania Shipping, per l’arrivo e le partenze delle navi da e per la Francia.
L’autobus ATM per poter accogliere chi arriva a Trapani deve transitare all’interno di un’area di “massima sicurezza”, area che spesso, per ragioni indipendenti dalla volontà di chi la gestisce è interdetta all’accesso. L’ingegnere Massimo La Rocca rimanda al mittente, su questo punto, le responsabilità addebitate ad ATM.
Come al solito però, basta una lamentela per alzare un polverone mediatico.
Quanti sono a conoscenza delle dinamiche relative all’arrivo/partenza di una nave da un molo? Precisa La Rocca. Quanti sono a conoscenza che attività legate a situazioni improvvise o non programmate da parte degli organi di Polizia Giudiziaria hanno la priorità su tutto, anche e soprattutto su l’ingresso di un autobus o paradossalmente anche sulla discesa dalla nave delle auto e relativi passeggeri? Evidentemente pochi.
In questi mesi, ATM e Sikania Shipping hanno collaborato per risolvere i tanti imprevisti che si sono presentati nella gestione di questo servizio con il solo ed unico intento di dare una mano alla collettività sia essa indigena che forestiera. È chiaro che qualcosa può non aver girato sempre per il meglio ma da quando si è avviato questo percorso i disagi creati agli utenti sono stati sempre minimi proprio per gli imprevisti che si sono presentati, anche all’ultimo minuto.
Sia La Rocca che Roberto Maltese della Sikania Shipping, si dicono disponibili a individuare, di concerto con l’Ente Comune, ulteriori fattibili soluzioni.