Pubblicità
<tonno auriga

l fatto di per sé non sarebbe roba da Tg, visto che parliamo di un matrimonio come tanti che se ne celebrano. Ma rientra nei canoni della “notizia” poiché il celebrante di questo matrimonio che si terrà davanti la splendida cornice di Torre di Ligny a Trapani è l’ex sindaco Mimmo Fazio che, su delega dell’attuale sindaco Tranchida, tornerà quindi a indossare la fascia tricolore.

Nostalgia canaglia… Vi ricorderete certamente di una delle hit più canticchiate sfornate dalla premiata ditta “AL bano e Romina Power”. Una coppia fra le più amate nel panorama musicale italiano. E non è un caso che li citiamo in questo servizio, a proposito di coppie e di… nostalgia.
Se siete fra quanti avevano voglia di rivedere Mimmo Fazio indossare ufficialmente la fascia tricolore da sindaco, sappiate che il vostro desiderio (pur se per poco) sarà esaudito.
Sabato, infatti, l’ex sindaco, ex consigliere comunale ed ex deputato regionale, officerà l’unione in matrimonio di una coppia che lo ha scelto ufficialmente quale celebrante. La cerimonia si terrà davanti Torre di Ligny, in uno degli scorci più suggestivi e simbolici del capoluogo.
Fazio ha ottenuto regolare delega dal sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida, come normativa sui matrimoni civili prevede alla mano.
La notizia, trapelata nei giorni scorsi negli ambienti politici cittadini, lascia l’amaro in bocca ad alcuni: è opportuno, si chiedono e ci chiedono, che Mimmo Fazio (su cui pende la condanna per violenza privata nella vicenda che lo vide contrapposto a Vito Dolce ai tempi di quando quest’ultimo era persidente della SAU e che si trova per ora sotto processo nell’ambito dell’inchiesta Mare Monstrum) possa tornare ad indossare la fascia tricolore istituzionale del Comune?
Senza voler necessariamente prendere posizione a favore o contro questa possibilità, ci limitiamo a riportare cosa prevede la normativa sulla celebrazione dei matrimoni civili: Fazio può celebrare perché gode ancora dei diritti civili e politici e siamo in assenza di una sentenza di condanna.
L’eventuale rifiuto di Tranchida, pertanto, sarebbe stato immotivato ed illegittimo.
Ci si potrebbe appellare, questo sì, a motivi di opportunità ma per Tranchida evidentemente il proclema non si pone. Il Comune di Trapani, del resto, non ha ancora nemmeno deciso se costituirsi parte civile nel processo contro Mimmo Fazio e ci tocca ricordare che il processo ha avuto inizio da pochissimo e che nessuna situazione di colpevolezza è intervenuta. La nostra costituzione, inoltre, Art. 27 comma 2, sancisce la presunzione di innocenza sino a condanna definitiva che in questo caso è addirittura assente. Mimmo Fazio, pertanto, tornerà ad indossare la fascia tricolore.
E il matrimonio della coppia, loro malgrado, assurge a fatto di cronaca politica.
Con buona pace degli stessi, di Fazio e di tutti quelli che storcono il naso.
Così è, se vi pare.

Nicola Baldarotta