Il premier Giuseppe Conte ha decretato un’accelerazione sula nomina dei sottosegretari e dei viceministri. Lunedì mattina il giuramento. Ma il senatore trapanese Maruzio Santangelo non sarà della partita. Anzi, a dirla tutta, nessuno degli eletti nel Collegio trapanese avrà ruolo di Governo.

E’ stato deciso tutto stamattina, nella riunione convocata a Palazzo Chigi. Il premier Conte ha imposto un’accelerazione e così sono stati nominati tutti i ruoli di governo, fra sottosegretari e viceministri: 21 sottosegretari0 per il M5s, 18 per i Dem, 2 i rappresentanti di Leu, 1 del Maie. Solo quattordici alle donne. Lunedì il giuramento mattina

Per quanto riguarda la Sicilia fa il pieno il M5S che porta in ruoli di governo i vice ministri Vito Crimi, palermitano nominato agli Interni, e Giancarlo Cancellieri. Quest’ultimo si occuperà di infrastrutture e trasporti e lascerà per incompatibilità il seggio all’Ars che verrà occupato dal primo dei non eletti della zona di Caltanissetta. Sottosegretari anche loro del M5S Stanislao Di Piazza, Alessio Villarosa, Manlio Di Stefano e Lucia Azzolini. Non è stato riconfermato il trapanese Maurizio Santangelo. Nessun ruolo nemmeno per la deputata Piera Aiello e l’altro senatore eletto nel collegio tarpanese, cioè Francesco Mollame. Il territorio trapanese non sarà rappresentato direttamente, pertanto.
Stamattina a Palermo, intanto, s’è tenuta la prima visita istituzionale per il Ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, che oggi ha visitato la scuola dell’Istituto comprensivo «Piersanti Mattarella Bonagia» nel quartiere Bonagia di Palermo e ha parlato di una nuova era di collaborazione fra nord e sud.

Nicola Baldarotta

GUARDA IL SERVIZIO CON L’INTERVISTA AL MINISTRO PROVENZANO