Pubblicità
<tonno auriga

Questa notte c’è stata luna piena. È stato un plenilunio un po’ particolare, visto che è quello che precede l’equinozio d’autunno. La chiamano la “luna piena del raccolto”: il suo chiarore un tempo permetteva infatti di raccogliere i cereali anche durante la notte. Questo nome, “harvest moon”, arriva dai nativi americani. È stata comunque una “mini” luna, visto che il nostro satellite si trova all’apogeo, ovvero alla massima distanza dalla Terra. Per questo motivo la luna in questi giorni appare leggermente più piccola. Ma lo spettacolo è assicurato comunque. Come sempre, a Trapani uno dei punti più suggestivi dove vedere il sorgere della luna è lungo le saline, tra i riflessi sulle vasche e gli antichi mulini a vento.