Pubblicità
<tonno auriga

Alcuni cittadini associati a Erythros hanno ripulito le fioriere di piazza Vittorio Emanuele II e di Piazza Vittorio Veneto

di Fabio Pace

Il linguaggio dei fiori, e più estensivamente, il linguaggio del verde pubblico e comune, è quello che amano parlare i soci di Erythros, l’associazione trapanese nata dal primigenio nucleo del Comitato Pro Eritrine. Tra sabato e domenica alcuni di essi si sono armati di rastrelli, zappette e guati ed hanno ripulito le fioriere di Piazza Vittorio Emanuele II e di Piazza Vittorio Veneto, di fronte al Municipio di Trapani. Il prima e il dopo (nella foto un esempio del lavoro svolto dai volontari) racconta, con tutta evidenza, come sia sempre la mano incivile quella che violenza la natura e la mano dolce di chi la natura la rispetta a fare la differenza. L’associazione invita i cittadini ad avere cura delle fioriere, dei fiori e estensivamente del verde pubblico, degli alberi, delle aiuole. Le fioriere non sono posacenere o cestini di rifiuti. Sono piccole oasi di bellezza. Appunti, post-it per ricordarci che fiore e piante vivono attorno a noi e ci rimandano alla natura