La via Orfane durante i lavori (Ph: Archivio Telesud)

Dopo i distacchi del 31 luglio scorso lavori conclusi su intonaci e cornicioni della Casa della Fanciulla e su un immobile privato

di Fabio Pace

La via Orfane è stata riaperta al traffico veicolare e pedonale. Lo ha disposto ieri con proprio provvedimento dirigenziale l’architetto Vincenza Canale, responsabile della protezione civile. Sono stati completati tutti gli interventi di messa in sicurezza degli immobili dai quali, il 31 luglio scorso, s’erano distaccati parti di intonaco e pezzi di cornicione. Nella giornata in cui si verificò il crollo, forse a causa dell’azione di dilavamento delle piogge estive, una donna che transitava in via Orfane rimase leggermente ferita al capo e fu costretta a ricorrere alle cure del pronto soccorso. Nella stessa giornata del 31 luglio la strada fu transennata e il 2 agosto il comune intimò ai proprietari di mettere in sicurezza gli immobili. Il comune intervenne sulla Casa della Fanciulla, per ragioni di pubblica incolumità, in via sostitutiva dell’ex IPAB Residence Marino, ente che la Regione Siciliana ha estinto nel 2016. Fu lo stesso commissario dell’ente estinto che, rispondendo nero su bianco, disse al comune che non aveva in cassa un euro per intervenire. I lavori del comune, iniziati il 9 settembre, sono terminati il 16 e sono stati estesi anche alla via Bardai. Nel frattempo anche il privato ha completato i lavori, in data 13 settembre. Il sopralluogo dei tecnici del comune ha certificato che i lavori sono stati eseguiti a regola d’arte e che sono state ripristinate le condizioni di sicurezza. Oggi la riapertura della strada.