Pubblicità
<tonno auriga

In occasione del tredicesimo anniversario della tragica morte del giovane ericino Alessandro Gulotta, che come si ricorderà è deceduto a seguito di un incidente stradale il 23 settembre 2006 ed al quale è stato intitolato il plesso facente parte del I Circolo Didattico “G. Pascoli” di Erice, la comunità scolastica si è riunita per testimoniare la gratitudine della società civile e delle istituzioni alla famiglia di Alessandro, che con la donazione di diversi organi del proprio caro, ha regalato una nuova speranza di vita a chi era costretto in un letto di ospedale e attendeva un gesto d’amore.

Nel corso della giornata gli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria e della Scuola dell’Infanzia hanno così dato vita a un momento di commozione e di riflessione sul tema della donazione degli organi attraverso canti, poesie e cartelloni, frutto di un percorso didattico di approfondimento sulla scelta di solidarietà fatta dalla famiglia Gulotta.

“La donazione degli organi è un atto di grande civiltà e di rispetto per la vita, un gesto di grande generosità, un moltiplicatore di vita, perché il dare agli altri è un arricchire anche se stessi – afferma la Dirigente Scolastica del Primo Circolo di Erice, Prof.ssa Antonina Filingeri -. Ed è con questo spirito che gli insegnanti della nostra Scuola, insieme alla moglie e alla figlia di Alessandro Gulotta, Virginia e Federica, già nel corso del precedente anno scolastico hanno pensato di dare seguito a questa ricorrenza, in maniera continua e sistematica, attraverso un vero e proprio progetto di sensibilizzazione delle giovani generazioni, finalizzato trasmettere ai giovani allievi la cultura del “dono”e della solidarietà attraverso il ricordo di Alessandro Gulotta”.