Foto di gruppo del sindaco Rizzo con i precari del Comune (Ph: Ufficio Stampa Castellammare)
Pubblicità
<tonno auriga

Il Sindaco Rizzo: «Ora tocca agli ASU, non appena la Regione definisce il percorso»

Il comune di Castellamare del Golfo ha proceduto alla stabilizzazione di 94 lavoratori precari che da 25 anni erano impiegati negli uffici. Ieri hanno hanno firmato il contratto a tempo indeterminato per lavorare da 17 ore a settimana ad un massimo di 32 ore. Ieri il sindaco Nicola Rizzo ha organizzato un saluto nell’aula consiliare per condividere il momento con i lavoratori che hanno diverse mansioni negli uffici comunali: operatori generici, istruttori amministrativi contabili, istruttori tecnici, istruttori di vigilanza su più settori compreso quello di polizia municipale. «Si tratta di un momento davvero importante poiché finalmente si può parlare di ex precari e lavoratori a tempo indeterminato nell’organico comunale – affermano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore al Personale Giuseppe Cruciata -. Subito dopo l’insediamento abbiamo lavorato per dare dignità e serenità ai precari deliberando il nuovo piano per il fabbisogno del personale proprio per avviare le procedure di stabilizzazione che rientrano nell’obiettivo generale di ridare efficienza agli uffici e servizi. Si tratta, infatti, di uno scopo che ci siamo prefissati nell’interesse dell’ente pubblico e dei lavoratori, ormai risorsa indispensabile, e che si lega al potenziamento degli uffici dove, nonostante la carenza di personale a seguito di pensionamenti, non ci è possibile una sostituzione». Rimangono da stabilizzare ancora gli Asu. «Non appena la Regione prevederà il percorso di stabilizzazione – concludono il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore al Personale Giuseppe Cruciata – seguiremo le procedure per l’inquadramento a tempo indeterminato».

GUARDA LA GALLERIA DELLE FOTO