Pubblicità
<tonno auriga

La consigliera comunale di Trapani, Grazia Spada, ha deciso di lasciare il gruppo consiliare AMO TRAPANI in netta contrapposizione con i due leader di riferimento Peppe Guaiana e Peppe la Porta. La decisione è stata comunicata ieri sera durante i lavori del consiglio a Palazzo Cavarretta.

Le dimissioni di Grazia Spada dal gruppo AMO TRAPANI erano nell’aria. La consigliera comunale era stata protagonista di alcune indiscrezioni di stampa che la vedevano in procinto di sposare la causa di Italia Viva, il nuovo organismo politico voluto da Matteo Renzi e aveva chiesto ai due riferimenti politici del gruppo AMO TRAPANI di prendere le sue difese smentendo le indiscrezioni. Né La Porta né Guaiana, però, avevano mosso un dito per difenderla. Ieri la Spada ha chiaramente detto in aula che sono venuti meno i rapporti fiduciari fra lei e il gruppo e s’è dichiarata indipendente transitando nel sempre più corposo gruppo misto.
Una dichiarazione, la sua, che ha lasciato basiti ad un primo momento sia La Porta che Guaiana. Ma il presidente del consiglio comunale, dopo aver accusato il colpo, ha tenuto a precisare alla stampa che il fatto che la Spada non avesse smentito personalmente quelle indiscrezioni di stampa sarebbe la dimostrazione che le indiscrezioni non erano poi tanto campate in aria… la ringrazia per il percorso politico comune e le augura buon lavoro. Fine di un idillio, insomma…
La seduta è poi proseguita con la discussione di alcune mozioni presentate in aula e, in particolare, quella del consigliere Gaspare Gianformaggio sull’istituzione della “Giornata contro la violenza nello sport” e quella delle consigliere Cinquestelle sull’istituzione di una commissione di indagine che abbia come oggetto la verifica delle opere pubbliche realizzate a trapani negli ultimi 9 anni. La proposta è stata ritirata perché sarà ri-presentata come atto ufficiale di istituzione di commissione di indagine e sarà al primo punto all’odg della prossima conferenza dei capigruppo.

Nicola Baldarotta