Pubblicità
<tonno auriga

Un incendio, doloso, è stato appiccato la scorsa notte al Centro Diurno del Comune di Petrosino. A darne notizia è il sindaco, Gaspare Giacalone, dalla sua pagina facebook. “Sono evidenti segni di effrazione e sono state divelte le porte interne delle varie stanze che ospitano uffici e sedi di associazioni di volontariato – scrive -. Sul posto si sono immediatamente recati i vigili del fuoco per domare le fiamme e le forze dell’ordine per gli accertamenti del caso. La dinamica sembra molto simile a quanto accaduto qualche mese fa al Municipio quando nottetempo si sono introdotti e manomesso tutte le porte degli uffici. Questo episodio segue di qualche giorno l’incendio avvenuto nell’edificio che ospita l’Istituto tecnico per geometri e che potrebbe essere, tuttavia, di natura accidentale. I due episodi potrebbero quindi non essere in alcun modo collegati tra loro. Ma non escludiamo nulla e lasciamo lavorare le forze dell’ordine verso le quali riponiamo totale fiducia. L’uffici tecnico comunale ha già provveduto a iniziare i lavori di sistemazione dei locali del centro diurno e contiamo di risolvere tutto nel giro di qualche giorno. Mentre per l’istituto dei geometri ho già convocato un tavolo tecnico con i dirigenti scolastici e i rappresentanti del libero consorzio (ex provincia) per trovare una soluzione rapida. Ricordo, infatti – conclude il primo cittadino – che la competenza per le scuole secondarie è esclusivamente del Libero consorzio. Noi però siamo sempre prontissimi a collaborare e offrire soluzioni. In sintesi, molta amarezza per quanto accaduto e la constatazione di quanto sia difficile amministrare un territorio. Un gesto vile che condanno con forza. Devo però rassicurare la mia cittadinanza che Petrosino non si fermerà mai un istante davanti a questi fatti. Avanti sempre!”. Con queste parole Gaspare Giacalone, che ha ricevuto qualche giorno fa a Padula il prestigioo Premio Internazionale per la legalità “Joe Petrosino 2019”, ha annunciato e comemntato l’episodio verificatosi ai danni del Centro Diurno.