Pubblicità
<tonno auriga

Ieri pomeriggio, poco prima delle 17 la portacontainer “Msc Luna” ha fatto il suo ingresso nel porto di Trapani.

Msc tocca per la prima volta il porto di Trapani, che entra così a fare parte dell’importante network internazionale di trasporto marittimo della famosa compagnia di navigazione, la seconda al mondo per importanza di traffico. Il servizio è partito ieri, con l’arrivo della “MSc Luna”, proveniente dal porto libico di Al-Khomos: con lo sbarco dei 120 container dalla grande nave della Msc sarà avviato il servizio feeder, ovvero lo scarico da una nave e ricarico su un’altra più piccola, al porto di transhipment di Gioia Tauro e a diversi porti del Nord Africa. Praticamente i container che sono stati portati a Trapani, tutti vuoti, saranno riempiti per essere successivamente imbarcati su un’altra nave. Un tipo di attività che viene fatto in porti strategici, che si trovano al centro delle rotte marittime. Come nel caso del porto di Trapani, che per la sua posizione geografica si trova al centro del Mediterraneo. Con un potenziale di crescita davvero alto, se dotato delle giuste infrastrutture e con i fondali ad una adeguata profondità, per fare entrare grandi navi. Visto che si trova nel bel mezzo delle “autostrade del mare”.
I servizi di sbarco, imbarco e movimentazione merce sono gestiti dal terminal operator “Riccardo Sanges & C”, protagonista, con l’imprenditore Gaspare Panfalone, di questa nuova iniziativa industriale e commerciale, che vede in prima linea, oltre Msc anche l’Autorità Portuale di sistema del mare di Sicilia occidentale guidata da Pasqualino Monti, che l’imprenditore Gaspare Panfalone ha tenuto a ringraziare “per il lavoro complesso che sta permettendo, tra l’altro, a Trapani di acquisire nuovi traffici in tutte le modalità di trasporto e ovviamente Msc, Mediterranea Shipping Company, seconda compagnia di navigazione al mondo nel trasporto containers per l’importanza di traffico, che sta investendo sul porto falcato e sui suoi traffici”.
Panfalone ha quindi ricordato come questi risultati siano anche il frutto degli ingenti investimenti della Riccardo Sanges & C fatti in termini di attrezzature e formazione del personale che hanno permesso nel recente passato a Cma Cgm, terza compagnia di navigazione al mondo nel trasporto containers per importanza di traffico, a scegliere Trapani come porto dove portare i propri servizi per il trasporto marittimo. “Adesso Msc completa e migliora l’offerta complessiva del trasporto marittimo e di servizi agli operatori di import ed export dando un lustro particolare al nostro amato porto”, ha evidenziato Gaspare Panfalone, nel rimarcare come lo scalo trapanese “avrà nuove e concrete prospettive di crescita che possono permettere di superare sensibilmente le esportazioni annue che oggi ammontano a circa ottomila Cntr”.

Mario Torrente