Pubblicità
<tonno auriga

L’aeroporto Florio di Birgi sembra tornare a vedere la luce. Alla data di oggi sono sei le rotte aggiunte alla programmazione dei voli dell’anno prossimo e sembra che ci sia speranza per qualche altra bella novità.

Si respira un’Aria migliore dalle parti dell’aeroporto di Birgi. Nulla che abbia a che vedere con l’inquinamento che, anzi, proprio per i motivi che andremo a spiegare, probabilmente subirà un’impennata per via degli scarichi degli aerei in volo…

La nuova guida di Salvatore Ombra, presidente di Airgest, sembra essere partita col piede giusto: certamente per quanto riguarda il ripristino dei rapporti formali con la compagnia aerea Ryanair. Fra Ombra e gli irlandesi c’è un rapporto speciale, inutile negarlo, fu grazie a Ombra infatti che Ryanair ebbe la possibilità di radicarsi in Sicilia prima a Trapani e ormai definitivamente a Palermo. Il vento attorno al Vincenzo Florio sta soffiando nel verso giusto, per ora: si aggiungono altre due rotte, infatti, al pacchetto di voli Ryanair previsto per Trapani Birgi nella prossima primavera per la “summer 2020”.

Oltre ai tre voli annunciati ufficialmente, Bologna, Bergamo, Praga, ci sono infatti il collegamento con Pisa, già annunciato da Ryanair in una lettera all’Airgest, e poi il collegamento con Baden Bande, in Germania, e quello con Malta, due volte a settimana, mercoledì e domenica. Ryanair ha infatti comprato la compagnia “Malta Air”, con la quale intende aumentare la sua operatività nell’isola al centro del Mediterraneo.

A questi voli poi si aggiungono quelli operati dalle altre compagnie. Queste che vedete in foto, al momento, sono le destinazioni previste da Trapani. Ma non saranno le uniche.

Per la Summer 2020 sullo scalo #Trapani #Birgi risultano al momento. Dal 27 marzo 2020 si potrà usufruire dei voli per  PisaBolognaPragaMilanoBergamoRomaTorinoMaltaBadenBadenNapoli e Pantelleria.

Inoltre, le due rotte olandesi con Coredon sono confermate anche per il prossimo anno, per cui c’è da aggiungere alla lista Maastricht e Amsterdam.

Si attende con fiducia l’ufficializzazione di almeno un’altra importante capitale europea.