Pubblicità
<tonno auriga

Con la cerimonia di premiazione tenuta ad Erice si è conclusa la manifestazione “L’Anfora di Calliope”.

Sono state quattro giornate dedicate alla cultura con tre presentazioni di libri e la premiazione finale per valorizzare non soltanto talenti letterari, opere e autori ma anche per promuovere la lettura, nelle scuole e tra i cittadini, con un occhio attento alle bellezze di un angolo di Sicilia – Trapani ed Erice – tra i più incantevoli della nostra Isola. Questa la scelta che ha accompagnato la fase finale del Premio letterario internazionale “L’anfora di Calliope” organizzato dall’omonima Associazione Culturale, che giunge quest’anno alla sua quinta edizione.

La cerimonia di premiazione de “L’anfora di Calliope” si è svolta al teatro “Gebel Hamed” a Erice. Oltre agli autori premiati, all’iniziativa ha partecipato Mauro Carpi accompagnato dal Maestro Terrasi. Ha condotto Giuseppe Vultaggio, che è anche curatore della Segreteria del Premio. Ha chiuso la kermesse la conviviale “Sapori di Sicilia”.

Al contest letterario hanno partecipato poeti e scrittori italiani e autori stranieri, suddivisi in tre sezioni: “poesia” – a sua volta declinata in cinque sottogruppi, “Italiano”, “Dialetto”, “Metrica” e a tema “violenza” – “raccolta di poesie” e “racconto” riservando due sezioni ai giovani “under 20”. La giuria è stata presieduta da Caterina Guttadauro La Brasca, professionista di spicco nel panorama culturale italiano.
La manifestazione è stata realizzata con il patrocinio dei Comuni di Erice e Trapani in collaborazione con le associazioni “Pelasgo 968” di Grottammare e l’associazione “Jò” di Buseto Palizzolo, “Cademia” e la “Camerata dei poeti” di Firenze.