I carabinieri hanno trovato anche un fucile rudimentale ma letale

I Carabinieri hanno arrestato, ad Alcamo, Andrea Ruisi, 41 anni. I militari, al termine di una attività di indagini, hanno condotto una serie di perquisizioni e durante una di esse in un magazzino contiguo alla abitazione di Ruisi hanno trovato una piantagione indoor, composta da 120 piante di marijuana dell’altezza media di un metro e mezzo. Il locale era stato predisposto Ruisi, al momento dell’arresto già sottoposto alle misure di sorveglianza speciale, con sofisticati sistemi di illuminazione e riscaldamento artificiale per incentivare la crescita della piante. Nel corso delle operazioni di perquisizione i Carabinieri hanno trovato anche un’arma clandestina perfettamente funzionante. Una sorta di rozzo fucile, ma letale, ottenuto tramite la lavorazione artigianale di un tubo metallico termosaldato con altre componenti metalliche. L’arma è stata sequestrata penalmente insieme allo stupefacente rinvenuto. Ruisi dopo le formalità presso gli uffici della Compagnia è stato dichiarato in stato di arresto per i reati di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e detenzione di arma clandestina e, quindi, condotto presso la Casa Circondariale di Trapani a disposizione della Autorità Giudiziaria.