Pubblicità
<tonno auriga

E’ iniziato stamani, innanzi la Corte D’Assise di Trapani, il processo per l’omicidio della marsalese Nicoletta Indelicato. Sul banco degli imputati, Margareta Buffa, 30 anni, accusata di avere ucciso Nicoletta Indelicato, la notte tra il 16 e il 17 marzo scorsi, in concorso con Carmelo Bonetta. Quest’ultimo non compare innanzi la Corte D’Assise poiché in seguito al decreto di giudizio immediato, firmato dal gip sulla base degli elementi probatori, ha chiesto e ottenuto il rito abbreviato, che sarà celebrato innanzi al Tribunale di Marsala. Bonetta è assistito dall’avvocato Natale Pietrafitta. Il legale di Margareta Buffa, invece, Ornella Cialona, ha scelto il rito ordinario. Entrambi sono accusati di concorso in omicidio, con le aggravanti della premeditazione, dei futili motivi e della crudeltà. L’autopsia accertò che Nicoletta Indelicato fu colpita con 12 coltellate in diverse parti del corpo e poi il suo cadavere fu dato alle fiamme. Stamani in Corte D’Assise si sono costituiti parte civile i genitori ed il fratello della vittima, assistiti dall’avvocato Giacomo Frazzitta. Il presidente del collegio, Daniela Troja, a latere Oreste Maroccoli, ha ammesso complessivamente 69 testimoni che saranno chiamati in aula dall’accusa e dalla difesa. Nel corso della prima udienza è stata acquisita agli atti l’intercettazione di una conversazione tra Margareta Buffa e Carmelo Bonetta. Una conversazione durante la quale Marghereta avrebbe suggerito a Bonetta di non fare ritrovare il cadavere. La prossima udienza, sempre in Corte D’Assiste a Trapani, è stata fissata per il 4 novembre.