Pubblicità
<tonno auriga

Sconfitta per il Trapani a Pordenone nell’undicesimo turno in serie B. Salda la posizione dell’allenatore granata.

La classifica è impietosa. I granata in undici giornate hanno raccolto appena 6 punti, frutto di tre pareggi, una vittoria e sette sconfitte. Ieri è maturata l’ennesima. Il Pordenone ha permesso la fluidità alle fasce del Trapani che presentavano la novità Candela dal primo munuto. Il giocatore ha ben figurato. Tanto possesso palla per i granata, concesso dalla squadra di casa che ha sfruttato le ripartenze. Al settimo minuto la prima doccia fredda con la rete di Camporese. Il primo tiro del Trapani arriva all’11’ con Aloi. Al 19′ Candela serve Nzola ma Di Gregorio para. Due minuti dopo Strizzolo trova il palo. Al 28′ a seguito di una ripartenza Carnesecchi dice no a Ciurria. Altre due occasioni per il Trapani prima del termine del primo tempo. Al rientro in campo, mister Baldini cambia Aloi con Scaglia, arretrando Moscati da mezz’ala e mettendo proprio Scaglia dietro il tandem d’attacco Pettinari – Nzola. Qualche occasione per entrambe le parti, ma al 68′ arriva il raddoppio del Pordedone con un calcio di rigore dubbio, poiché probabilmente iniziato fuori area, realizzato da Burrai. E’ il 2-0. All’88’ un netto fallo su Colpani, subentrato a Luperini, porta Taugourdeau sul dischetto. Il francese non sbaglia. Rimane solo il tempo del cartellino rosso per proteste a Nzola che salterà la prossima sfida con il Cosenza. Finisce così, tra lo sconforto generale, di chi per l’ennesima volta è stato testimone di una prova mancante per il Trapani, non tanto per le occasioni create, o comunque per il tentativo di produrre gioco, ma mancante in carattere, di quell’anima necessaria a fare quello scatto in più. Da quanto appreso, la società granata, che si era data tempo fino a ieri per decidere sul futuro di mister Baldini, ha deciso di continuare con l’allenatore toscano. Una decisione chiaramente contestata dall’ambiente, in antitesi con le decisioni che nove squadre su dieci avrebbero preso in questa situazione. Ora però è giusto che questa decisione, venga spiegata e chiarita pubblicamente. Non è invece mistero che la volontà sia quella di fare ricorso agli svincolati nell’immediato. Domani infatti dovrebbe già arrivare a Trapani il terzino sinistro Agostino Garofalo, classe ’84 ex Venezia con all’attivo più di 400 presenze tra serie B e serie C. Il giocatore i primi di ottobre era passato alla Turris. Per questo motivo, se aggregato realmente al Trapani, capiremo quando potrà scendere in campo. Insomma una decisione combattuta all’interno della stessa società che speriamo a questo punto possa risollevare la situazione. L’unica certezza sono i 116 tifosi granata che ieri fino ad Udine hanno seguito la squadra, e tutti quei tifosi che credono ancora nella maglia, al di là di tutto.