Pubblicità
<tonno auriga

Si era spacciato per un cliente e aveva derubato una prostituta. L’episodio è avvenuto verso la fine di ottobre. Protagonista della vicenda, Vito Cicala di 39 anni, disoccupato e con alcuni precedenti alle spalle, arrestato dai carabinieri del comando provinciale di Trapani. Il giovane si era introdotto nell’abitazione in cui la donna, di origini straniere, esercitava l’attività di meretricio e, con la scusa di voler consumare un rapporto sessuale a pagamento, una volta all’interno, sotto la minaccia di un coltello, si era fatto consegnare tutto il denaro in suo possesso, circa 500,00 euro. Prima di fuggire si era anche impossessato del telefono cellulare della vittima per impedirle di chiamare i soccorsi. Le numerose tracce trovate all’interno dell’appartamento, hanno consentito ai militari dell’Arma di individuare il responsabile della rapina.Cicala, al termine delle formalità di rito, è stato condotto  presso le carceri “Pietro Cerulli” di Trapani, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.