Pubblicità
<tonno auriga

Stamani il sindaco di Trapani Giacomo Tranchida, assieme all’ ass.re alle Politiche Agricole Giuseppe Pellegrino e con la presenza della Consigliera Francesca Trapani, hanno partecipato, con il gonfalone della Città di Trapani in prima fila, alla manifestazione regionale indetta dalla Coldiretti – Giovani Impresa. Al centro della mobilitazione le 4600 istanze presentate nel 2017 per usufruire del nanziamento operativo della misura PSR. Solo che ad oggi non un solo giovane imprenditore ha potuto fruire dell’agevolazione. “Oggi a Palermo – ha dichiarato il Sindaco Tranchida – la città di Trapani testimonia il sostegno ai giovani agricoltori e chiede al Governo regionale di cambiare passo”.

“La filiera agro alimentare a km 0, in particolare, rappresenta – ha ricordato il primo cittadino – non solo sostegno al reddito a tutela delle tradizioni e del paesaggio, ma anche un pezzo importante del Mosaico promo offerta della destinazione Trapani Western Sicily – dichiara Tranchida – che troverà in seno alla prossima riqualificazione di piazza ex Mercato del Pesce (oggi dedicata a Mauro Rostagno) la sua “vetrina d’eccellenza”. Abbiamo come Amministrazione Comunale fortemente voluto, non a caso, candidare il nostro territorio a Distretto del Cibo ed assieme all Ass.re d’Ali aderire alla rete europea delle Città del Sale. Con l’Assessore Pellegrino abbiamo stimolato e rilanciato l’Associazione Strade del Vino – prosegue il Sindaco – e con l’Assessore Patti abbiamo messo mano alla riqualificazione del Mercato del Contadino. Adesso puntiamo al recupero e ripristino dei locali dell’ex Mercato del pesce, così come nelle aspettative di tanti “contadini” del mare. La nostra presenza politica insieme ad operatori privati in seno al Flag Pesca, presieduto appunto dall’Assessore Andreana Patti, così come in seno al GAL Elimos e nelle Strade del Vino tende a sostenere le nostre aziende Agricole ed i giovani in particolare. Oggi a Palermo – conclude il Sindaco Tranchida – la città di Trapani testimonia il sostegno ai giovani agricoltori e chiede al Governo regionale di cambiare passo”.