Il cane antidroga Mike durante la perquisizione
Pubblicità
<tonno auriga

I Carabinieri di Trapani durante una operazione antidroga hanno recuperato i computer rubati al polo Universitario trapanese nei giorni scorsi

di Fabio Pace

Testo del servizio Un arresto, 81 grammi di hashish, dieci dosi di cocaina e, soprattutto recuperati i computer rubati al polo universitario di Trapani la scorsa settimana. È il bilancio di una operazione dei Carabinieri della Stazione di Erice e della Sezione Radiomobile di Trapani, con l’ausilio di una Unità Cinofila del Nucleo Carabinieri di Palermo-Villagrazia. Il fiuto del pastore tedesco Mike ha permesso di trovare in vari punti di un appartamento, durante una perquisizione, 81,52 grammi di hashish, 1,81 grammi di cocaina suddivisi in 10 dosi. Tanto è bastato per arrestare l’occupante dell’abitazione, Leonardo Rubino, 40 anni, per detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio. Ma nella perquisizione domiciliare i carabinieri hanno anche trovato beni di provenienza illecita. In particolare dei personal computer di cui Leonardo Rubino non è stato in grado di fornire indicazioni precise sulla legittima provenienza o sul loro eventuale acquisto. Ben presto i carabinieri hanno scoperto che i computer erano stati rubati, pochi giorni fa, dall’Università. Per Rubino oltre alle accuse relative al possesso della droga è scattato anche la denuncia per la ricettazione dei computer. L’operazione ha preso le mosse dalla osservazione dei militari che hanno rilevato un sospetto via vai di persone, in qualsiasi orario del giorno e della notte, nei pressi dell’abitazione di Rubino. L’uomo è stato posto agli arresti domiciliari, così come disposto dalla magistratura.