Pubblicità
<tonno auriga

Il sostegno all’informazione, soprattutto a livello locale, dovrebbe passare anche dal ruolo delle Regioni

Qual è lo stato della informazione in Sicilia? Se ne è discusso oggi a Palermo, in un convegno organizzato dal Corecom Sicilia, l’organismo di controllo della emittenza televisiva e delle telecomunicazioni. «Per contrastare la crisi dell’editoria in Sicilia serve una legge di riforma del sistema informativo locale». È quanto ha proposto Maria Astone, Presidente del Corecom Sicilia, nel corso del convegno “Indagine AgCom 2018 e stato dell’informazione in Sicilia. Quali regole?” che si è tenuto questa mattina presso la sala Mattarella dell’Assemblea regionale siciliana su iniziativa del Corecom Sicilia, dell’Agcom, della Regione Siciliana e dell’Ars. La Presidente del Comitato regionale per le comunicazioni in Sicilia ha sottolineato che «a prescindere dagli interventi per il settore dell’informazione previsti nella legge nazionale di bilancio, il sostegno all’editoria di prossimità spetta anche alle Regioni». La Presidente del Corecom Sicilia ha poi messo in evidenza la possibilità di «fare ricorso ai Fondi europei in base a quanto stabilito dalla politica di coesione 2021-2027 UE già approvata. Tra le priorità di investimento, infatti, c’è anche il sostegno alle piccole e medie imprese, e tra queste quelle creative come le aziende editoriali».

ASCOLTA L’INTERVISTA ALLA PRESIDENTE DEL CORECOM MARIA ASTONE