Pubblicità
<tonno auriga

Trapani si assicura i fondi per il restauro di un dipinto ad olio su tavola custodito nella cappella della Mortificazione.

di Fabio Pace

La vittoria del contest lanciato “La via dei Tesori” è caduta sul dipinto trapanese grazie al voto di tanti cittadini che, da diversi social, chat telefoniche, e pagine web sono confluiti fino alla pagina in cui gli organizzatori del Festival hanno anche messo in gara sei opere d’arte da restaurare. La domanda era: «Quale bene vuoi recuperare? – Vota il tuo restauro». Trapani ha raccolto il 41,50% dei voti, Marsala il 40,9%, Palermo (con le sfingi) 8,9% dei voti. I primi tre progetti sono ammessi al finanziamento di restauro, gli altri dovranno attendere. La scelta era tra: le sfingi del Gymnasium dell’Orto Botanico di Palermo; la porta storica di ingresso alla città di Palermo; il portale della chiesa di san Benedetto a Catania; l’affresco del salone di Amorelli, a Siracusa; la cupola del Campanile del Carmine, a Marsala. La cappella della Mortificazione che nello scorso mese di settembre è stata inserita negli itinerari dei luoghi trapanesi da scoprire è un piccolo scrigno di architettura e di arte, inglobato nel complesso dei Domenicani, dietro l’abside della chiesa di San Domenico, realizzata tra il 1715 e il 1730 su progetto dell’architetto trapanese Giovanni Biagio Amico. Nello specifico l’opera da restaurare con urgenza è «un bellissimo olio su tavola realizzato tra il XVI e il XVII secolo da un autore ignoto, e raffigura “La Pietà con le sante Lucia e Agata”; si trova sulla parete di ingresso della cappella. La pellicola pittorica in più punti è compromessa (ossidata dagli agenti atmosferici) o addirittura caduta, e questo non permette più la leggibilità delle figure». Molto merito va dato all’associazione trapanese Agorà, tra quelle che hanno sposato il più ampio progetto de “La via dei tesori”. Per i cittadini un percorso di appropriazione e di identificazione: gli spazi della cultura diventano riferimento di nuova aggregazione, di interconnessione. Una formula che a Trapani sembra aver fatto pienamente centro, visto il risultato.

GUARDA LE ALTRE OPERE D’ARTE IN CONTEST