Dopo numerose iniziative amministrative, volte soprattutto al miglioramento del funzionamento della macchina burocratica ed alla oculata gestione dei conti pubblici, lo scorso 30 dicembre in Consiglio Comunale si è compiuto l’ultimo atto dell’anno appena concluso. Durante la seduta consiliare è stato approvato uno dei documenti più importanti e controversi per la comunità, soprattutto per il comparto economico e commerciale. «L’amministrazione comunale ha tenuto fede al proprio programma elettorale – ha rimarcato il sindaco Peraino – offrendo alla comunità un nuovo regolamento per le occupazioni di suolo pubblico, ponendo definitivamente fine alla querelle nata tra la precedente amministrazione e la società civile sanvitese». Il documento, che ha avuto una lunga gestazione proprio a causa della sua stessa importanza, affronta nel dettaglio tutti gli aspetti per la gestione e la assegnazione delle concessioni. Per il primo cittadino il regolamento precedente, «era, inapplicabile al contesto socio-economico-territoriale dei centri abitati del capoluogo e delle frazioni. La nuova norma, se offre a tutti l’opportunità di operare serenamente, nel contempo – ha spiegato il sindaco – presenta delle importanti clausole sull’uso del bene comune, fra tutte la perdita per 2 anni di ogni diritto di concessione per la reiterata violazione delle regole».  Peraino ha poi tenuto a rimarcare come il nuovo regolamento sia frutto di un confronto serrato tra amministrazione, associazioni, comunità e forze politiche, assicurando come i suoi effetti saranno monitorati costantemente, mentre le norme transitorie ne garantiranno «una graduale applicazione senza ulteriori salassi per gli operatori». Durante l’ultima seduta del 2019 il Consiglio comunale di San Vito lo Capo ha approvato anche altre importanti delibere come le norme per il Daspo in contrasto ad azioni contro la pubblica sicurezza e il conferimento della cittadinanza onoraria alla Senatrice Liliana Segre.