L’amministrazione comunale di Erice ha presentato una richiesta di finanziamento per il “Progetto per interventi relativi alla creazione di infrastrutture di protezione contro gli incendi boschivi e altri pericoli naturali”. Si tratta di un intervento che punta alla prevenzione su scala locale contro gli incendi boschivi, da realizzarsi nei complessi boscati demaniali comunali della montagna di Erice per un importo 500 mila euro per interventi a valere sul Programma di Sviluppo Rurale (P.S.R.) Regione Sicilia 2014 -2020, Misura 8, Sostegno settore forestale, Sottomisura 8.3, Salvaguardia e miglioramento della biodiversità attraverso interventi di prevenzione di avversità o eventi catastrofici”.

Il progetto definisce gli interventi di presidio e difesa antincendio e precisamente la creazione di infrastrutture di protezione contro incendi e altri pericoli naturali quali attacchi parassitari, malattie che possono causare calamità e altri eventi catastrofici dovuti al cambiamento climatico, interventi di prevenzione su scala locale contro incendi e altri pericoli naturali e difesa dal dissesto idrogeologico e dai fenomeni di erosione e installazione e miglioramento di sistemi di monitoraggio e comunicazione degli incendi boschivi, delle fitopatie e delle infestazioni parassitarie.

Nello specifico la ripulitura e il decespugliamento con finalità di protezione contro gli incendi boschivi, cartellonistica e tabelle monitori e di indicazione, realizzazione di risorsa idrica antincendio attraverso la collocazione di vasche interrate e relative reti di adduzione e approvigionamento ed una rete che dal Castello di Venere si snoderà fino a porta Carmine e Porta Spada per circa 1,6 km, con 25 idranti lungo il percorso.

“Continua dunque l’opera di miglioramento e di salvaguardia della montagna di Erice”, e sia la sindaca Toscano che l’assessore Gianni Mauro che ha coordinato tali procedure, nell’esprimere compiacimento per la collaborazione degli uffici, confidano nell’ottenimento del finanziamento che si innesta all’interno di un percorso più ampio per la valorizzazione e la sicurezza del Borgo Medioevale.