Tentata rapina col macete, arrestato dai carabinieri

Agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico un ragazzo di 21 anni

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Trapani, hanno eseguito un’ordinanza applicativa di arresti domiciliari con braccialetto elettronico, emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Trapani, nei confronti di Gaspare Croce 21 anni. Il provvedimento del GIP è l’esito della attività investigativa dei Carabinieri sulla tentata rapina, perpetrata il 20 gennaio 2020, ai danni della edicola nel quartiere San Giuliano, in via Madonna di Fatima. In quella stessa giornata c’è voluta meno di un ora per i carabinieri per identificare l’autore della tentata rapina che è stato ripreso dagli impianti di videosorveglianza. Riconosciutolo nelle immagini i militari si sono recati presso la sua abitazione, a pochi passi dall’edicola, per arrestarlo. Croce però è riuscito a fuggire saltando dalla finestra dell’appartamento dove si era nascosto, lanciandosi da un altezza notevole, ma lasciando al suo interno il grosso coltello utilizzato per commettere la rapina, e gli indumenti indossati al momento del fatto. Dopo una giornata di ricerche, Croce si è costituito in caserma assumendosi la responsabilità di quanto commesso nella mattinata. Ieri il provvedimento della magistratura.