L'ingresso dell'Osteria Sociale (Ph: Saman)

Sul recesso della Saman/Anteo interrogazione della consigliera Anna Garuccio

di Fabio Pace

In una interrogazione depositata stamani la consigliera comunale Anna Garuccio, torna a sollevare la questione della mensa sociale di corso Piersanti Mattarella, chiusa dallo scorso mese di settembre 2019. Secondo Garuccio il recesso dal servizio, notificato all’amministrazione comunale dalla cooperativa Anteo che nel frattempo ha rilevato e assorbito tutte le attività sociali di Saman, potrebbe aver creato un danno economico al Comune e a quella fascia sociale che fruiva del servizio. Il punto polifunzionale di Ristoro e Mensa “Osteria della solidarietà” era stato affidato in concessione per 5 anni alla “Saman” dalla amministrazione Damiano per garantire un pasto ai trapanesi meno abbienti segnalati dai servizi sociali. Anteo dopo il subentro a Saman nella gestione della mensa nel luglio del 2019 ha chiesto ufficialmente al Comune di revisionare il Contratto poiché il servizio era antieconomico. I rappresentanti della Anteo e gli amministratori comunali si sono anche incontrati per discutere la questione e anche in quella sede la cooperativa avrebbe anticipato il recesso “in ragione dello squilibrio economico finanziario della concessione”. Su questo punto la consigliera Garuccio chiede un al sindaco Tranchida un chiarimento «avendo nei tre anni Saman ricevuto dal Comune di Trapani il pagamento del servizio fornito per 185 mila euro e considerato che la convenzione avrebbe dovuto avere durata di 5 anni così suddivisi: per i primi 3 anni sarebbe stato il Comune concedente a pagare il servizio e a sovvenzionare la Cooperativa Saman che così si prestava all’acquisto dei prodotti, e i servizi contingenti, mentre negli ultimi 2 anni la cooperativa vincitrice avrebbe dovuto a garantire il servizio gratuitamente al Comune. In pratica il recesso sarebbe avvenuto quando il servizio sarebbe divenuto oneroso a carico della cooperativa e gratuito per il Comune. Garuccio chiede al sindaco come mai non si sia ritenuto di procedere legalmente nei confronti di Anteo, suggerisce di dare mandato all’Ufficio Legale di procedere nei confronti della Anteo e comunque di escluderla dal futuro Bando di assegnazione della mensa, oggi in corso di redazione da parte degli uffici comunali. La consigliera Garuccio ha chiesto risposta scritta.