A Marsala, in questo momento difficile per il fronte della guerra che, come in tutta la Provincia, in tutta la Sicilia, e in tutto il Paese, si sta combattendo contro il Covid-19, l’ospedale torna al centro dell’attenzione grazie a un’iniziativa adottata da tre giovani universitari fuori sede per alleviare la situazione drammatica vissuta, con i medici, gli infermieri, gli OSS e tutto il personale del nosocomio sguarnito di dispositivi di protezione individuale – le famose mascherine – ma anche tute, occhiali e quant’altro serve per evitare il contagio, oltre al materiale per la creazione di posti letto, soprattutto per la terapia intensiva. Cristiana Cordaro, Silvia Lubrano Lavadera e Marco Martinico hanno lanciato una raccolta fondi per l’acquisto di materiale indispensabile, coordinata dall’Ordine dei Medici della Provincia di Trapani, presieduto dal Dott. Rino Ferrari e dal Rotaract Club Marsala. Ogni cifra che viene donata può essere utile, anzi, fondamentale. Il primo obiettivo è quello di raggiungere la cifra di 50.000 euro, ma dopo sei giorni dal lancio la cifra raccolta è di circa 25.000 euro, ancora troppo poco per quello che vale questa battaglia. La campagna si riferisce al “Paolo Borsellino”, ma la somma sarà versata all’ASP della Provincia di Trapani, che come da norme in vigore allocherà le risorse verso le strutture sanitarie della provincia che hanno più bisogno. Questo il link della campagna: https://www.gofundme.com/f/1x8tv4h55c

J.C.