Il personale sanitario dell’Unità Operativa di Anestesia e rianimazione dell’Ospedale “P. Borsellino” di Marsala torna a scrivere sull’emergenza Coronavirus, per chiarire in che modo viene affrontata in queste ore e per rassicurare la cittadinanza sulle cure elargite in caso di bisogno in modo adeguato. Questo il testo integrale:

“L’emergenza Covid-19 è una situazione di estrema pericolosità pubblica, tale da richiedere l’adozione di comportamenti, interventi, e misure eccezionali. Essendo una esperienza del tutto nuova, sta mettendo a dura prova  ciascuno di noi, sia i cittadini che sono chiamati ad uno stile di vita restrittivo, sia il personale sanitario che in prima linea si trova ad affrontare un nemico sconosciuto, sia le Istituzioni, sia chiunque rivesta ruoli dirigenziali cui spetta l’arduo compito di scelte proibitive fatte nell’interesse della collettività.
Far fronte ad una emergenza presuppone sempre, modelli organizzativi che devono essere messi a punto in fretta. Anche nella nostra realtà ospedaliera marsalese tante cose sono state modificate. Per noi  in questo momento organizzarci in tal senso adeguandoci alla logistica di un ospedale come quello di Marsala o come quelli italiani in genere,  non è un compito facile. Pur potendo usufruire della esperienza degli ospedali che stanno già da tempo affrontato questa situazione, si deve adeguare il modello alla propria realtà. Vengono seguite delle linee guida generali, ma il sistema è sempre perfettibile.
La lettera che è stata pubblicata in queste ore,dove si fa erroneamente intendere che nel nosocomio marsalese si è lasciati allo sbando senza che vi siano delle linee guida da seguire e senza che ci sia sinergia tra la Direzione Sanitaria ed il personale sanitario tutto, è frutto di lecita preoccupazione nel dover affrontare in tutta fretta una situazione sconosciuta.  Prima che queste false affermazioni destino preoccupazioni infondate alla popolazione, noi medici della Unità di Terapia Intensiva di Marsala  vogliamo chiarire che l’ospedale individuato come “Covid Hospital”, ha già la capacità di iniziare ad affrontare questa emergenza pur aspettando il completamento di parte di reparti atti al ricovero dei pz Covid. Sono già  in corso i lavori per l’ampliamento di ulteriori sei posti di UTI, là dove i sei posti già disponibili sono assolutamente idonei ad accogliere tali pz. Tutto il personale della UTI è stato adeguatamente preparato ed istruito in sinergia con la DS, seguendo le linee guida nazionali, facendo tesoro anche dell’esperienza di chi già da settimane affronta il problema  nelle regioni del nord.
Per cui vogliamo rassicurare l’utenza, sulla adeguatezza delle cure che verranno elargite all’interno del nosocomio marsalese  ricordando ancora che il meccanismo organizzativo è un sistema perfettibile e che si adeguerà alle esigenze che in futuro si presenteranno.
Chiediamo ai cittadini, ancora una volta, il loro aiuto invitandoli a rispettare pedissequamente le restrizioni che dal Governo nazionale ci sono state imposte al fine di limitare e/o rallentare il contagio. In questo modo permetteranno a noi sanitari impegnati in prima linea di dispensare l’adeguata assistenza”.

Il personale sanitario della UOC di Anestesia e rianimazione del P.O. “P. Borsellino” Marsala