Si è pronunciata oggi la Suprema Corte annullando l’ordinanza della Libertà.

Oggi, la Suprema Corte di Cassazione, sesta sezione penale, accogliendo i motivi di ricorso degli Avvocati Carlo TAORMINA e Vito GALLUFFO, difensori di Paolo Ruggirello, detenuto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere dallo scorso agosto, ha annullato, con rinvio, l’ordinanza del Tribunale della Libertà di Palermo che aveva confermato il rigetto della istanza di scarcerazione del Giudice per le indagini preliminari di Palermo. Adesso, i magiatrati palermitani dovranno pronunciarsi sull’istanza di scarcerazione dei legali dell’ex deputato regionale. È assai probabile che il Tribunale della Libertà riveda la propria decisione secondo le direttive della Corte di Legittimità. Non è escluso, tuttavia, che anche alla luce delle vicende di salute che hanno visto recentemente risultare positivo al Coronavirus Ruggirello, che lo stesso Tribunale di Trapani ne disponga, su istanza dei legali difensori, la scarcerazione disponendogli i domiciliari.