Circa 1.200 mascherine protettive sono state realizzate e confezionate, con l’impegno di varie ditte e diverse volontarie di Paceco, ed è stata già avviata la distribuzione nel territorio comunale, mentre si aspetta l’arrivo del materiale necessario per continuare la produzione dei dispositivi di protezione.

Lo comunica il Sindaco di Paceco, Giuseppe Scarcella, che ha promosso e sta seguendo con l’Amministrazione comunale la realizzazione e lo smistamento delle mascherine di protezione, nell’ambito degli interventi predisposti per fronteggiare e contrastare la diffusione della pandemia da Covid-19.

La maggior parte delle mascherine è stata consegnata alla Polizia municipale, e da questa agli operatori della Protezione civile incaricati della consegna a domicilio dei buoni spesa. Da sabato scorso, in particolare, insieme ai buoni vengono consegnate due mascherine a famiglia.

Un’altra parte dei dispositivi di protezione è stata affidata alla parrocchia “Santa Caterina VM – Regina Pacis”, per la distribuzione durante la consegna dei pasti solidali.

Ulteriori mascherine sono destinate, e in parte già consegnate, alle case per anziani del territorio. Inoltre, sono stati muniti dei dispositivi anche gli operatori ecologici. 

“La produzione delle mascherine continua – sottolinea l’assessore comunale alla Sanità, Federica Gallo – ma intanto abbiamo potuto distribuire il primo migliaio di dispositivi, tra i circa 700 realizzati dai titolari delle ditte Ciulla Tour e Tartamella Tendaggi e dei rispettivi dipendenti, con la disponibilità della Merceria Nicosia, ed altri 500 da parte dell’imprenditrice Angela Galia, di Brigida Canino dell’omonima merceria, con l’impegno complessivo di diverse altre signore che si sono messe a disposizione, come ad esempio le professoresse Annarita Romano e Nazarena Di Bella”.