E’ stato caricato a bordo di una motovedetta della Guardia Costiera e trasportato a Terrasini.

Il corpo senza vita di uomo è stato individuato e recuperato dalla guardia costiera a largo di Ustica durante le ricerche del peschereccio “Nuovo Iside”, di cui non si hanno più notizie da ieri mattina. Il cadavere sarebbe quello di Vito Lo Iacono, 27 anni, figlio del comandante del motopesca, partito lunedì scorso da Terrasini per una battuta di pesca d’altura nelle acque a largo di San Vito Lo Capo. La salma è stata caricata a bordo di una motovedetta della Guardia costiera e trasportata verso la terraferma. Intanto proseguono le ricerche, coordinate dalla capitaneria di porto di Palermo, per ritrovare il peschereccio e gli altri componenti dell’equipaggio, il comandante Matteo Lo Iacono, 53 anni, e un cugino Giuseppe Lo Iacono, 33 anni, di cui non si hanno più notizie da ieri mattina. Sono stati i familiari a lanciare l’allarme ieri pomeriggio alle autorità marittime poiché non erano più riusciti a contattare l’equipaggio, che avrebbe dovuto fare rientro a Terrasini ieri, verso l’ora di pranzo.

Alle ricerche stanno prendendo parte due motovedette e due elicotteri della Guardia Costiera e dell’Aeronautica militare, e un aereo.